Il centro ortopedico fisioterapico a Velletri

Terapie erogate in regime privato a Velletri

Terapia con onde d'urto


Le onde d’urto sono onde acustiche ad alta energia generate da strumentazione elettrodinamica, elettromagnetica o piezoelettrica.
A differenza degli ultrasuoni non hanno andamento sinusoidale, ma sono impulsive e hanno ampiezza molto maggiore (500 contro 0,5 bar). Se vengono applicate ad una parte del corpo, il passaggio dell’onda d’urto attraverso i tessuti ha caratteristiche che sono in funzione dei tessuti stessi e, pur non essendo ancora completamente chiare le cause, produce una rigenerazione dei vasi nella zona investita.
I meccanismi di azione sono due: quello meccanico e quello dovuto alla cavitazione, cioè alla formazione di bolle di vapore all’interno di un fluido sottoposto al passaggio di onde pressorie che si susseguono ad alta velocità. Entrambi determinano una variazione di permeabilità di membrana e il conseguente aumento dei processi di scambio ionico intracellulare a livello dei tessuti molli. L’aumentata capillarizzazione locale conseguente al trattamento accelera la rimozione dei fattori infiammatori.
Dai dati sperimentati i risultati migliori si ottengono nelle zone in cui si ha il passaggio da tessuti molli (tendini o muscoli) ai tessuti duri (ossa).
Le onde d’urto erano già applicate negli anni ’80 in nefrologia per la rottura di calcoli renali (litotrissia) e per favorirne l’emissione spontanea.
In ambito ortopedico, il litotritore (l’apparecchio che applica le onde d’urto) ebbe la sua prima applicazione nel ’91. Attualmente consente di ridurre il ricorso all’intervento chirurgico, non ha effetti collaterali ed è a rapido effetto (di solito bastano poche sedute, da 3 a 6).
E’ particolarmente indicato per fibrosi e calcificazioni a livello muscolare e nelle patologie inserzionali tendinee o in quelle da sovraccarico.
La risoluzione del problema è completa per il 30% dei casi e parziale per un altro 30%. Il litotritore è meno indicato nelle forme non calcifiche. Per ogni trattamento si applicano 1550-2000 colpi con una frequenza di 120-240 colpi al minuto per una durata complessiva di circa 10 minuti. Il trattamento può risultare doloroso e può essere consigliabile un’analgesia locale o, per le pseudoartrosi, anche una sedazione più generale.
E’ controindicato in pazienti con disturbi della coagulazione, tenosinoviti infette, osteomieliti, portatori di pace-maker, polineuropatie demielinizzanti, pazienti epilettici.

Centro ortopedico specializzato Castelli Romani:

Genzano - Terapia con onde d'urto - a 10,6 km

Lanuvio - Terapia con onde d'urto - a 9,3 km

Albano - Terapia con onde d'urto - a 14,4 km

Cisterna - Terapia con onde d'urto - a 14,2 km

Lariano - Terapia con onde d'urto - a 6,4 km

Artena - Terapia con onde d'urto - a 15,2 km

Hai bisogno di una visita?

Con i nostri corsi di ginnastica riabilitativa ritrova il benessere psico-fisico